Pagine

lunedì 17 giugno 2013

Torta brioches gigante crema e caffè

Ecco il dolcetto che mi sono concessa nel fine settimana: una torta al caffè farcita di crema pasticcera. 'Al caffè' proprio nel senso che al posto di latte o altri liquidi ho versato nell'impasto il caffè fatto con la moka. Ho bagnato l'interno con bagna di caffè e liquore e farcito con una crema dal sapore di normalissima crema pasticcera! Buonissima! Questa simpatica forma di cornetto è stata ottenuta grazie allo stampo che l'azienda Silikomart mi ha gentilmente inviato, carino vero?! Ne hanno davvero per tutti i gusti, con tutte le fantasie possibili e me li comprerei tutti per quanto sono comodi e belli.
Io, da novellina del ramo, ancora mi stupisco di quanta fantasia e bontà si possa mettere nei dolci vegan, di fronte ad ogni torta mi ricordo delle mie prime due settimane da vegetariana (nel corso delle quali ho mangiato il formaggio giusto un paio di volte perchè ero abituata ad usarlo per cucinare: per il risotto, per la pasta, per la torta salata) e di tutte le 'paure' che mi frullavano in testa: 'ma come faccio, ma che dolci cucino, ma come faccio senza certi formaggi, oddio è impossibile' e cose di questo tipo. Adesso ci penso e sorrido a me stessa perchè ora so quanto è facile cambiare questo tipo di abitudini e mi piace riportare una concetto che ho letto non so dove e mi ha colpito per la verità espressa.
Non ci sono scuse per mangiare i prodotti animali, quella di mangiare i prodotti animali è una scelta svantaggiosa dal punto di vista medico e ambientale prima che etico, rimane una sola scusa per mangiarli: perchè sono buoni. Ma se una persona lascia che la sua testa sia guidata dal suo palato, io e lei non abbiamo niente da dirci.
Non non siamo uomini, e quindi differenti dagli animali,  per via delle nostre capacità razionali, per le capacità artistiche, per la consapevolezza maggiore delle cose, per le possibilità di decidere con responsabilità al di là degli istinti che derivano dalla natura...o mi sfugge qualcosa?
E comunque ho pensato che io, per quanto amo mangiare e preparare il cibo che devo mangiare, ancora mi faccio guidare non poco dal mio palato. Quello che mangio è buono, punto, altrimenti non lo mangerei. Ma adesso posso essere fiera quando mi lascio 'guidare dal palato' perchè prima è la mia testa a scegliere, i miei valori, il mio interesse per la salute e la vita altrui, e ne sono contenta.
Ho già pensato a due dolci buonissimi e solo moderatamente salutari per il mio compelanno e non vedo l'ora di rientrare dalla trasferta lavorativa che metterà a dura prova la mia scelta vegan.


Ingredienti:
per la torta
170 g. di farina 00
50 g. di maizena
10 g. di cacao
200 ml di caffè forte
110 g, di zucchero di canna
1/2 bicchiere scarso di olio di semi
2 cucchiai di sciroppo di agave
1 bustina di lievito per dolci
pizzico di sale
per la bagna
1/2 tazzina di caffè
1 cucchiaio di sciroppo di agave
2 cucchiai di brandy o altro alcolico idoneo
1 cucchiaio di acqua
nota: ho usato il bellissimo stampo che mi ha gentilmente inviato la silikomart

Per la torta, iniziare riunendo gli ingredienti secchi (come per la torta al cioccolato che avevo postato tempo fa, le dosi sono più o meno quelle) quindi farina, amido, zucchero, lievito, cacao. Versare sopra agli ingredienti liquidi, il caffè tiepido e l'olio ( per il caffè vi servirà una caffettiera da 4, io ne ho usata una da tre e ne ho dovuto rifare un pò per raggiungere la dose necessaria). Mescolare quanto basta per ottenere un composto omogeneo e versare nello stampo di silicone e infornare a 180° per 35-40 minuti. Prova stecchino e sfornare.
Quando la torta è fredda tagliare a metà e bagnare le due metà con la bagna composta da caffè mescolato con sciroppo di agave e brandy. Cospargere la metà di base con bel dito di crema pasticcera e coprire con la metà superiore senza schiacciare molto. Riporre in frigo in modo che la crema si rassodi.


24 commenti:

  1. MA DAI è TROPPO carina e poi quanto deve essere buona,brava direi che è perfetta!

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia, sembra uscita da una fiaba:) anche io questo weekend mi sono concessa qualcosa di davvero libidinoso... un secondo super filante, montanaro DOC... Passa da me se ti va, facciamo scambio di ricette:) buona settimana:)

    RispondiElimina
  3. mamma mia che golosa è...e che bella, si mangia prima con gli occhi!

    RispondiElimina
  4. Lo sai che ti ammiro tantissimo per la sclta di vita che hai fatto e per il tuo portarla avanti con tanta determinazione! Io sono sempre ferma alla riduzione al minimo del consumo di carne...
    Questa brioches gigante è troppo simpatica, ce ne vorrebbe proprio un bel pezzetto per colazione :D
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! ridurre è sempre meglio che non fare nulla e non porsi il problema, diciamo che sei sulla buona strada come ero io pochi mesi fa!!! baci!

      Elimina
  5. Ecco dove hai schiaffato quella bontà di crema light!!!! Buonissima sta brioche! smack e buona settimana :-)

    RispondiElimina
  6. che idea fantasticaaaaaaaa!! e che connubio di gusti perfetto... complimentiiiiiii!!

    RispondiElimina
  7. Ma tu stai diventando davvero un fenomeno, guarda qua!
    Un bel post, e mi piace molto la frase che hai citato, che ovviamente non posso far altro che condividere :)
    Aspetto il tuo compleanno con estrema curiosità, allora! ;)
    un bacio

    RispondiElimina
  8. sembra veramente deliziosa!! poi carinissima!!

    RispondiElimina
  9. Non sono vegana né vegetariana ma ho un'amica che sta intraprendendo questa strada difficilissima e importante... e quando trovo ricette vegan così appetitose me le segno perché almeno alle cene so cosa portarle come dolce ^^
    Una sola domanda: siccome vivo in un paesino piccolo non saprei davvero dove procurarmi lo sciroppo di agave... è facoltativo o posso sostituirlo con qualcos'altro (più che altro chiedo perché non ho idea del gusto che abbia..)?
    Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è sciropposo, quindi inumidisce l'impasto, e ha un sapore come di miele ma più intenso...con il miele come magari già sai non puoi sostituirlo, perchè il miele comporta lo sfruttamento delle api...
      più costoso ma forse data la moda più reperibile è lo sciroppo d'acero...
      cmq credo che lo puoi omettere e solo se l'impasto sembra troppo denso aggiungere un cucchiaio di caffè o latte vegetale in più

      Elimina
  10. Simpatica la forma, ma la cosa che mi piace di più è il sapore. Golosissimo!!!!!

    RispondiElimina
  11. ...alla faccia del dolcetto!!!!! E' una meraviglia!!!!!!

    ti invito a partecipare, se ti va, al mio nuovo contest:
    http://kucinadikiara.blogspot.it/2013/06/il-nuovo-contest-cereali-in-insalata_5.html

    bacio e buona giornata!

    RispondiElimina
  12. Hai la mia ammirazione per la tua scelta di nuova vita e nuova alimentazione!!!! dolce delizioso e bellissimo!!! da provare!!! gnammy gnammy! buona giornata cara!!!

    RispondiElimina
  13. strepitosaaaaaa....bravissima

    RispondiElimina
  14. Buonissima !!!!!!!!!!!!!!!!!
    Posso passare per mangiare una fettona????
    Strepitosa. Brava
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  15. Claudietta ma questa e' stata preparata pensando a me? adoro il caffe' :)))))))))))) come non provarla ? a presto Giovanna

    RispondiElimina
  16. la voglio fare anche iooooooooooooooooooo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  17. ma quanto sono d'accordo con te!
    magari non tutto e' proprio possibilissimo,ma direi che pur evitando certi ingredienti si possono ottenere buoni risultati,questo e' un ottimo esempio!!!!!

    RispondiElimina

Mi fa molto piacere sapere che sei passato da me, ancora di più sarei felice di sapere il nome e le opinioni di chi mi legge, di poter dare un consiglio o riceverne di nuovi!